seguici su
Torino, Mercoledì 28 Giugno 2017
Percorso: Home | Eventi | Castello Reale di Racconigi
Castello Reale di Racconigi
Condividi su Facebook
Castello Reale di Racconigi
Il Castello Reale di Racconigi fa parte del circuito delle Residenze Sabaude del Piemonte. E' un polo culturale e museale altamente frequentato.

Il Castello Reale di Racconigi è in gran parte visitabile ed è oggetto di costanti restauri di natura conservativa. E' una delle Residenze Sabaude meglio meglio conservate, vantando un'apprezzabile dotazione di arredi, dipinti e suppellettili.
INFO EVENTO
Racconigi (CN)
dal 30/05/2013 al 31/12/2020

Castello Reale di Racconigi

Sito dell'evento

Orario:
dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 18.20
Chiuso il lunedì.


Ingresso:
Ingresso: € 5.00 (Riduz. 50% ragazzi di 18 - 25 anni)
Gratuito ai cittadini UE al di sotto dei 18 anni e al di sopra dei 65 anni, ai docenti e studenti delle facoltà di Architettura, Lettere e Filosofia, ai titolari Tessera Musei Piemonte - Torino


Altri eventi di questo tipo nella categoria:
Musei
Dal sapore fine e delicato, il formaggio Raschera è uno dei DOP piemontesi. A seconda del luogo di produzione è denominato Raschera di alpeggio o semplicemente Raschera.
Continua qui >>
Dal 1959 Giovando Gioielli lavora a Torino con i grandi nomi dell'orologeria, della gioielleria e dell'argenteria. Adesso grazie al sito e-commerce i suoi preziosi articoli vendono spediti in tutta l'Italia. Continua qui >>
Castello Reale di Racconigi

Il Castello di Racconigi nasce come casaforte a cavallo del Mille, nell'ambito della Marca di Torino. Nella prima metà del XII secolo diventa parte costituente del Marchesato di Saluzzo, quindi, nel 1363, fu conquistato militarmente da Amedeo VI, il Conte Verde. Il feudo fu assegnato prima agli Savoia-Acaia poi, dal 1413, ai Savoia-Racconigi.

Nel 1620 il duca Carlo Emanuele I di Savoia assegnò Racconigi al figlio cadetto Tommaso , capostipite della linea Savoia-Carignano.

Fu Emanuele Filiberto, secondo principe di Carignano, figlio di Tommaso e Maria di Borbone Soissons, detto "il muto", il vero promotore della prima trasformazione del castello. Nel 1670 affidò ad André Le Nôtre (artefice dei giardini di Versailles e Vaux le Vicomte) il compito di progettare un raffinato giardino alla francese e, nel 1676, al modenese Guarino Guarini l'incarico di progettare la ristrutturazione dell'edificio.
Del progetto guariniano furono realizzati, solo la splendida facciata settentrionale verso il parco, capolavoro dell'architettura seicentesca, e il salone centrale con l'imponente torrione innalzato al centro del palazzo sul preesistente cortile interno.

Nel 1755, il quarto principe di Carignano, Ludovico Vittorio, figlioccio del re di Francia Luigi XV e che per lunghi anni aveva vissuto a Parigi, affidò a Giovan Battista Borra l'incarico di riplasmare le facciate sud e laterali e di rendere più decorosa la zona d'ingresso abbattendo i vecchi edifici attorno al cortile.
In questo periodo furono anche modificati e riarredati gran parte degli appartamenti e delle sale in stile neoclassico, secondo il gusto dell'epoca. Alcuni ambienti mantengono ancora oggi l'impostazione e la decorazione settecentesca, come il salone d'Ercole , la sala di Diana e gli appartamenti cinesi .

Carlo Alberto, settimo principe di Carignano, molto affezionato alla residenza di Racconigi, nel 1820 diede il via al primo, grande progetto di rinnovamento della Residenza, chiamando il giardiniere tedesco Xavier Kurten ad estendere e riprogettare il Parco in linea con il gusto “romantico” del tempo; fu l'inizio di una “rivoluzione culturale” che portò a cancellare ogni traccia residua del progetto di Le Nôtre e pose le premesse per i successivi interventi sul Castello.

Nel 1832, anno successivo alla sua ascesa al trono, Carlo Alberto iscrisse Racconigi nel novero delle Reali Villeggiature e affidò all'architetto di corte Ernest Melano l'ampliamento volto a ricavare al primo piano nuovi appartamenti per gli ospiti, rendendo così la residenza più adatta alle esigenze di corte.

In questi anni venne realizzato anche il cortile d'onore, chiuso dalla cancellata in ferro del Cambiaggio.

All'architetto, pittore e decoratore bolognese Pelagio Palagi vennero, invece, affidate le opere concernenti l'arredamento e la decorazione degli spazi interni ai piani nobili. Egli attuò una vera e propria reinvenzione degli ambienti, condotta fino al particolare esecutivo. Furono così realizzati mobili, arredi, mosaici, decorazioni d'ambiente per l'esecuzione dei quali Palagi aveva radunato una valida equipe di artisti e artigiani. I cantieri terminarono nel 1842.

Dopo la scomparsa, nel 1849, di Carlo Alberto, la dimora estiva venne visitata dai principi meno frequentemente: si ridussero le lunghe villeggiature estive, che lasciarono il posto a visite fugaci. Racconigi fu scenario di alcune celebrazioni anche alla fine del XIX secolo, ma solo dopo la morte di Umberto I, nel 1900, la residenza riprese vitalità per le iniziative della nuova coppia reale.

Il castello tornò ad essere una dimora di villeggiatura frequentata abitualmente quasi ogni anno da Vittorio Emanuele III ed Elena del Montenegro, e fu trasformato secondo le moderne esigenze del tempo: apparvero impianti di riscaldamento, i bagni, l'energia elettrica, nuove pompe per la fornitura di acqua potabile ad ogni piano; si diffusero radio e giradischi; fu costruito un laboratorio fotografico ad uso esclusivo del re e della regina; si realizzarono lavori di restauro in alcune stanze ai piani nobili.

Il palazzo era così predisposto per ricevere adeguatamente ospiti di prestigio in visita ai sovrani: nel 1909 fu ospitato lo zar di Russia Nicola II e nel 1918 i genitori della regina Elena. Nel 1904 nacque in questa residenza l'ultimo re d'Italia, Umberto II.
L'ultimo atto di grande solennità fu la celebrazione, avvenuta nel 1925, delle nozze di Filippo d'Assia e Mafalda di Savoia, la principessa morta tragicamente nel campo di sterminio di Buchenwald.

INFORMAZIONI PER I VISITATORI
L'accesso al Castello è previsto con visite accompagnate dal personale di vigilanza  in gruppi di massimo 25 persone.
Dal martedì al venerdì la visita avviene con partenze ad orari stabiliti: 9.00, 10.30, 12.00, 14.00, 15.30, 17.00, 18.20.
Il sabato e la domenica gli orari di partenza delle visite sono intensificati in relazione all’affluenza del pubblico.
Tali ingressi sono riservati ai visitatori occasionali e non sono prenotabili.

INFORMAZIONI PER I GRUPPI ORGANIZZATI
I gruppi organizzati devono accedere alla visita del Castello con partenze al di fuori degli orari sopra indicati e devono essere muniti di una propria guida turistica professionale, tenendo conto che le normative di sicurezza impongono che ogni gruppo di visita non superi le 25 unità e che la durata della visita deve essere contenuta entro h. 1.15 per garantire l’ordinato susseguirsi dei gruppi.
E’ necessario prenotare l’orario di ingresso della visita da parte del gruppo in uno dei seguenti modi:

telefonando al numero 0172-84595 preferibilmente nei giorni di martedì, mercoledì, giovedì, dalle ore 9.00 alle 12.30;
inviando una mail all’indirizzo sbap-to.racconigiprenotazioni@beniculturali.it

Per prenotazioni
L’orario dedicato alle prenotazioni è limitato ai seguenti orari:
MARTEDÍ, MERCOLEDÍ E GIOVEDÍ dalle ore 9.00 alle 12.30
sbap-to.racconigiprenotazioni@beniculturali.it
Numero telefonico riservato alle prenotazioni: 0172.84595

L'accesso al Castello è regolato da visite accompagnate in gruppi di massimo 25 persone.

Per la Vostra Pubblicità su Parallelo45 Tel.011.20.74.031
Ristoranti e Pizzerie
Cucina piemontese, mediterranea, cinese, messicana, giapponese, indiana?
Pizza al mattone, al padellino, farinata, focaccia di Recco?

Per trovare, a Torino e provincia, il ristorante o la pizzeria più adatti al vostro palato le Guide di Parallelo45 vi sarà d'aiuto.

I Musei
Dai piu' famosi, vere star a livello mondiale, come l'Egizio, il Museo Nazionale del Cinema, la Reggia di Venaria Reale, o il Museo dell'Automobile ai piu' curiosi e meno noti che sono delle piacevolissime scoperte.
La sezione Musei a Torino e in Piemonte vi consente di scoprire anche le nuove proposte del vasto settore museale piemontese.
Tour e Visite
Alla scoperta dei tesori culturali e artistici di Torino e del Piemonte, sia tramite eventi e tour a data fissa che con i Consigli per una Gita nel variegato territorio piemontese proposti direttamente dalla redazione di Parallelo45.
La sezione Tour e Visite a Torino e in Piemonte viene arricchita con proposte sempre nuove ed e' in costante aggiornamento.
Quick & Go
Torino e provincia per chi ha fretta
Le istituzioni
I trasporti
L'informazione locale
Meteo & ambiente
Dal 1959 Giovando Gioielli lavora a Torino con i grandi nomi dell'orologeria, della gioielleria e dell'argenteria. Adesso grazie al sito e-commerce i suoi preziosi articoli vendono spediti in tutta l'Italia. Continua qui >>
Fissore Ceramiche, grande azienda di Moncalieri (TO) che commercializza pavimenti e rivestimenti ceramici, sanitari e arredo bagno, ha ricevuto il premio di Confindustria Ceramica come miglior distributore 2013 Italia. Il riconoscimento anche grazie alla sua storia e al suo modo di operare con la clientela. Continua qui >>
Questa settimana


Tutti gli appuntamenti
Prenota Hotel a cura di Booking.com
Il servizio che Parallelo45 ha scelto per la prenotazione dei vostri hotel, a Torino e nel mondo, é gestito da Booking.com, una delle societá leader in Europa nel settore delle prenotazioni alberghiere via internet.

Destinazione

Dal
Al



© 2017 SI COMPANY - P.Iva 10583980015 | Per la tua pubblicitá e Informazioni Tel. 011.20.74.031 Cookie Policy Scrivi alla redazione